mercoledì 9 aprile 2014

MEDJUGORJE E LE FALSE GUARIGIONI


Forse pochi sanno che la ‘Madonna’, secondo i ‘veggenti’, aveva promesso guarigioni prodigiose ai malati che Le chiedevano aiuto. Alcuni casi:
1 - Nel 1981 è stato promesso ad un bambino a Grude, malato da leucemia, che sarebbe guarito sicuramente e incondizionatamente. Il bambino morì alla fine dello stesso anno.
2 - Il francescano bosniaco, fra Ivan Dolan era ammalato di cancro. Sua madre andò a piedi da Rama a Medjugorje per chiedere alla Madonna la guarigione del figlio. I‘veggenti’ le dissero che la Madonna aveva promesso la guarigione. Alcuni mesi più tardi il frate morì. 
Una ragazza D. B.ammalata anche lei di cancro, alla quale i medici le avevano consigliato l’esportazione del seno, si era recata a Medjugorje, a piedi, a cercare la grazia. I ‘veggenti’si sono rivolti alla ‘Madonna’,la quale rispose che non c’era bisogno dell’operazione. La ragazza morì, in una terribile agonia, il 24 dicembre 1983.
4 - Marko Blažević, di Buna presso Mostar, grave ammalato cardiaco, era stato ricoverato all’Ospedale per una operazione rischiosa. La ‘Gospa’, su richiesta di alcuni ‘veggenti’, aveva risposto di andare sotto i ferri senza preoccupazione, che sarebbe andato tutto bene. Il paziente andò sicuro e fiducioso. Morì sotto i ferri.
5 – Di Venka Bilić-Brajčić, di Split,  si parlò di guarigione prodigiosa nel libro di  p. Rupčić, ofm, grande sostenitore delle apparizioni [Gospina ukazanja u Međugorju, Samobor, 1983]. Quando il suo medico lesse il libro, protestò energicamente contro l’affermazione che era guarita. Essa aveva deposto i certificati medici della presunta guarigione straordinaria l’8 settembre 1982. Morì nel giugno 1984.
I fatti sopra esposti li potete trovare sul sito ufficiale della Diocesi di Mostar[http://www.cbismo.com/files/file/LaPosizioneAttuale.pdf].
Quando nel 1991 un famoso giornalista australiano, Terry Willesee, volendo realizzare un documentario sulle presunte guarigioni che si dicevano essere avvenute in quel luogo, si recò da un presunto ex paralitico del quale si diceva avesse ripreso a camminare, scoprì che muoveva solo di pochi centimetri la gamba sinistra. Eppure l’avevano fatto passare come un grande miracolato di Medugorje. E questo lo potete leggere sul libro di uno dei più preparati critici di questo evento, Marco Corvaglia – “Medugorje è tutto falso”– pag. 152 ss.
Non molto tempo fa sentii  in televisione Paolo Brosio affermare che ci sono state oltre 500 guarigioni miracolose a Medugorje. Non sa (o non vuole sapere), il buon Paolino, che ad oggi, inizio 2013, non una di quelle guarigioni è stata riconosciuta da alcun ente serio preposto a questi  casi. Non sa nemmeno (o non vuole sapere), che quando il vescovo Zanic mandò al Bureau Médical di Lourdes (settembre 1984), le certificazioni presentate dai frati di Medugorje come ‘guarigioni miracolose’, il tutto fu rispedito al mittente con la dichiarazione  che quelle carte non erano nemmeno degne di essere prese in seria considerazione. Ma tutto questo passò sotto silenzio dai fautori del fenomeno.
Nonostante le molte testimonianze che attestano i fatti, oggi i ‘veggenti’ “non ricordano” di aver mai dichiarato che la Madonna avesse promesso quelle guarigioni di cui abbiamo parlato…
Ci sarebbero altri episodi da proporre, ma mi fermo qui in quanto intendevo solo spiegare quali motivi mi hanno spinto a non credere più a Medugorje.
L’altro aspetto che mi fece propendere per la falsità di queste apparizioni, fu quando i protagonisti affermarono che la ‘Madonna’ sarebbe rimasta con loro ancora tre giorni! Era il 30 giugno 1981, cioè esattamente dopo sette giorni dalla prima manifestazione. Mirjana affermò  : …Le ho chiesto [alla Gospa] per quanti giorni rimarrà con noi e lei ha detto: “Tre giorni”…Questo significa fino a venerdì[cfr. Sivric – La face cachèe de Medugorje, pg. 346].
Anche qui, questi strani ‘veggenti’ hanno ‘dimenticato’ di aver detto una cosa simile… [cfr. p. Bubalo – Mille incontri…,pg 50].
Quando il vescovo di Mostar, Zanic, sotto cui era la parrocchia di Medugorje, volle sentire  i pseudo veggenti (21 luglio), si accorse subito che non erano sinceri. Ma mentre all’inizio sembravano bugie infantili, man mano che la cosa prendeva piede le bugie divenivano menzogne.
[Il vescovo]ha domandato ai “veggenti” se la Madonna abbia detto qualcosa sul “caso erzegovinese”. Essi hanno risposto che la Madonna avrebbe detto che tutto si sarebbe risolto in breve tempo. Poi, quando Le hanno chiesto se bisognava pregare a tal fine, Ella avrebbe risposto: non c’è bisogno! Più tardi i ragazzi si correggevano…

Tutti i diritti riservati © 2014 Fabio Ludovici – M. Cristina Di Mascio