sabato 12 aprile 2014

LA VIA DELLA VERITA’ di Luca Carli





Cosa possiamo dire sulla Verità ?
Semplicemente che tu non vuoi sentirla, è questa la realtà.
Solo quello che credi di poter reggere, solo quello che pensi sia innocuo, viene da te accolto e accettato, tutto il resto lo seppellisci sotto ad uno strato di polvere. E tutti i giorni fai questo, vedi qualcosa che è talmente chiaro e limpido da non essere sopportato e lo rifiuti, e il terreno dove cresci, dove vivi, si fa malsano. E quasi nulla di ciò che è vero viene mostrato. Menzogne, false credenze, aspettative illusorie, delusioni, ecco il frutto che nasce da un terreno senza il concime delle Verità. La Verità agisce come una spada, rompe gli argini, fa scorrere la linfa, riporta Giustizia, e questo lo fa dopo aver spezzato e reciso, tagliando tutto ciò che è malato; è una lama che fa male. E non la vuoi sentire sulla tua pelle, non la vuoi conoscere. Non vuoi brandire quella spada, perché è pesante, è un fardello.
Preferisci fasciarti la testa, coprirti di bugie sapendo che quelle raccontate a te stesso sono le più astute e meglio mascherate. Prosegui così, a tentoni, come una persona cieca.
Se vedi qualcuno che porta la Verità addosso ti fa male solo guardarlo, perché riporta alla luce ferite che sanguinano ancora; ti mostra come tutto il tempo che hai vissuto, la vita che hai condotto, le scelte fatte si basavano sulla falsità; e ammettere questo sarebbe insopportabile. Sentiresti l’odore del marcio, perché sei circondato dalla decomposizione, non c’è più frutto che possa nascere fuori e dentro di te.
Per questo hai così tanta paura della Verità.
Ma se solo sapessi che quella lama che taglia ti porterebbe anche a rifiorire e risparmierebbe tutti quei rami che ancora sono sani in te. Se solo sapessi che quella lama che taglia guarisce allo stesso tempo, allora forse accetteresti di vedere quello che è per quello che è, senza distorcerlo con lo specchio della tua paura.
 


Un invito, uno solo voglio farti: domandati, dopo aver riletto queste parole, quante delle cose che fai, che dici, che vivi e che senti, provengano da una fonte pura, incontaminata. Se riuscirai a fare questo con fermezza avrai brandito quella spada finalmente; puoi scagliarla e fendere adesso, e fallo senza pietà, dividi ciò che è vivo da ciò che sta morendo. Circondati di Verità, ed allora comincerai a vedere e a vivere veramente, ma fallo prima di tutto dentro di te, non cercare il falso negli altri, nelle situazioni esterne; sei pieno di cose tanto ingannevoli che anche quello che senti e percepisci fuori non può che ingannarti. Per questo l’oggetto del tuo lavoro, della tua meticolosa pulizia sta al tuo interno. Forse resteranno poche cose da salvare, ma  ora puoi ripartire da quelle.
Basta un seme per fare un albero, ed un giorno sarai felice di aver tolto, esserti privato di ciò che non era, per vedere nascere dalla tua chioma frutti che danno vita.
Luca Carli


Tutti i diritti riservati © 2014 Luca Carli – M. Cristina Di Mascio