lunedì 24 marzo 2014

ITALIANI POPOLO MISERABILE di Ennio Montesi




Gli italiani non protestano, ma frignano, gli italiano non dissentono, ma si lamentano, qualcuno più coraggioso al massimo sporcoddia, sporcamadonna e biastima. Gli italiani se potessero si butterebbero per terra per sporcarsi tutti. La prima regola degli italiani è mandare avanti gli altri, la seconda è farsi i cazzi propri a discapito di tutti e di tutto. Gli italiani nelle loro case dinanzi ai propri familiari, parenti e amici fanno i leoni, ma negli uffici, nelle fabbriche e per le strade sono come agnellini zoppi che vogliono essere scannati vivi per primi.
 
Un italiano che protesta e dissente con intelligenza è raro da incontrare, ma se ne trovano molti di italiani che venderebbero senza indugio la propria madre come rifiuto da buttare nella discarica, oppure farebbero chiavare la propria moglie, oppure farebbero scopare il proprio marito, oppure farebbero inculare il proprio figlio solo per andare a leccare il culo ai pezzi di merda e criminali vaticani e alle teste di cazzo e criminali governanti italiani, ai potenti e ai ricchi di turno per avere un qualsiasi posto di lavoro, oppure un qualsiasi incarico retribuito, oppure un qualsiasi altro beneficio personale, oppure solo per farsi vedere in loro compagnia. Gli italiani vogliono essere ostinatamente sottomessi e avere il padrone repressivo per potere mantenere la propria posizione di schiavitù e di schiavi e lo stesso futuro ambiscono e desiderano per i propri figli e nipoti. Studia e fatti i cazzi tuoi e non dire mai la tua e se puoi fregare gli altri fregali.

Gli italiani odiano e disprezzano i libri e spesso non sanno tecnicamente né socialmente né leggere né scrivere né comprendere le parole altrui, e non sanno assolutamente comunicare con il prossimo, ma se glielo fai notare si indignano e si offendono e si difendono dicendo che sei razzista. Gli italiani ripetono a pappagallo e credono da perfetti imbecilli che sono a tutte le stronzate che vedono in televisione poiché è l’unica cosa che hanno nella propria miserevole e insulsa vita fatta di nulla.
 
Gli italiani vorrebbero che qualcuno prendesse a manganellate chiunque non la pensasse come loro e anche tutti gli altri che italiani non sono vanno presi a bastonate, specialmente vanno presi a manganellate quei pezzi di merda di negri perché puzzano come capre e perché se ne vadano affanculo a casa loro a rompere i coglioni, manganellate ai quei rotti in culo di cinesi che rubano il lavoro agli italiani, poi ci sono i fottuti romeni da manganellare che non si sa che cazzo fanno per campare, poi bisogna manganellare i napoletani che vengono su dal sud in tanti come le pantegane che escono dalla fogna e chissà chi ha dato loro i soldi e come fanno ad avere un furgone nuovo per vendere la frutta con la diossina agli angoli delle strade, non parliamo poi degli ucraini che rubano le case agli italiani e portano le donne a fare le troie e le mignotte e pure i pompini nei naitclubs e vendono le pasticche del crack che se lo prendi una volta poi devi farti sempre le canne con gli spinelli e lo so perché c’è stato un meccanico che conosco e me lo ha detto, pompini e spinelli, bisogna manganellare i comunisti che sennò mi portano via la terra dell’orto, la casa e la macchina, bisogna manganellare gli albanesi che tanto se stanno qui da noi significa che qualcosa di male da loro hanno fatto, bisogna manganellare gli zingari che mandano in giro le loro donne grasse come scrofe a rubare l’oro e a chiedere l’elemosina davanti alle chiese e poi prestano i soldi a strozzo, i froci poi bisogna fare delle squadre speciali volontarie però con le spese pagate dallo Stato per prenderli a manganellate perché i froci e le checche e i transessuali sono malati come dice il prete alla messa e rubano il lavoro alle puttane che magari debbono mantenere un figlio a carico e bisogna riaprire i casini che un tempo c’era più igiene almeno i ragazzi non prendono lo scolo e la sifilide e l’addiesse con le siringhe e non rischi che tuo figlio diventi frocio anche lui e che se lo faccia mettere nel culo che lo prendo subito a bastonate sulla schiena e lo mando via di casa a forza di calci nel culo, altroché, ma anche gli italiani debbono essere manganellati a cominciare dai vicini di casa che fanno rumore e hanno comperato l’auto nuova e fregano il parcheggio che è di tutti i condomini, bisogna manganellare i colleghi di lavoro che non se lo meritano di guadagnare dodici euro più di me, bisogna manganellare gli altri disoccupati perché arrivano prima di me a meritare un lavoro mentre io intanto lavoro in nero, bisogna manganellare i giovani perché non hanno voglia di fare un cazzo e perché noi un tempo i cellulari e internet non li avevamo e neanche la bicicletta e il motorino, bisogna prendere a manganellate i tifosi della squadra di calcio avversaria perché quel gol di domenica era fuorigioco e hanno comprato il centravanti che era nostro e hanno rubato lo scudetto, manganellate agli avversari imbecilli politici e ai parlamentari che prendono un sacco di soldi per andare al ristorante a strafogarsi e a divertirsi alla faccia nostra con le puttane e i transessuali e la cocaina pagati dallo Stato perché sono tutti ladri e mafiosi e indagati ma per legge e per la Costituzione italiana non si possono toccare e neanche i magistrati possono fare niente per via della legge sul conflitto di interessi, un fracco di manganellate agli scimuniti credenti figli di puttana di altre religioni del cazzo che hanno un dio di merda che si fanno saltare per aria perché vogliono scopare venti vergini tutte insieme e perché cuciono con ago e filo la fica slabbrata delle loro donne tutte coperte con tuniche nere infilate come preservativi perché lo vuole il loro dio fuori di testa, manganellate agli ebrei di merda che fanno schifo con quei boccoli di capelli che gli scendono giù sulle basette che sembrano bacherozzi usciti dalle chiaviche delle latrine che hanno un sacco di soldi e sono usurai e poi tagliano la punta del cazzo ai bambini perché glielo ha detto il loro dio macellaio tagliacazzi e Hitler aveva ragione a bruciarli tutti a questi fottuti pezzi di merda, altro che mandarli in Madagascar ai forni crematori debbono andare e invece gli hanno dato la terra di Israele e nonostante tutto continuano a rompere i coglioni con il loro dio che nessuno ha mai visto e pare che non sia nemmeno mai venuto sulla terra, non certo come il mio dio che è attaccato dappertutto e che fa i miracoli e scioglie il sangue e guarisce i tumori e se glielo chiedi e lo preghi ti fa venire pure il cazzo duro per andare a scopare anche se io uso il viagra di mio cugino e poi questo papa fa meno schifo dell’altro che era frocio e faceva i trenini e giocava a incularelle e a pompinelli con il segretario quello bello cazzone superdotato che glielo infilava scappellato, anche se i preti sono tutti marci e lo sanno tutti che si inculano i bambini e le bambine che tanto lo possono fare per la loro legge canonica perché poi pagano i giudici per non andare in galera e pagano i giornalisti perché non dicano un cazzo sulle televisioni alla gente sennò col cazzo che le famiglie portano i loro figli nelle parrocchie sapendo che i preti pedofili se li inculano a piacimento e fanno bene perché i bambini non obbediscono e non stanno mai fermi. Poi ci sono questi barconi di disperati con tutta quella gentaccia che piscia a caga dentro alle barche che arrivano di continuo a Lampedusa e quei pezzenti morti di fame con le caccole al culo che vogliono mangiare e bere a nostre spese e gli danno pure cento euro al giorno oltre che vitto e alloggio gratis e io non li guadagno, e se non stai attento ti entrano in casa e io ho ancora il mutuo da pagare e bisogna che quelli del governo si mettano d’accordo con la legge per buttarli in mare e farli affogare tutti e li prendano a manganellate, e gli sparino addosso le guardie costiere che sono pagate con tanto di stipendio da duemila euro e tre mesi di ferie pagate per non fare arrivare altra gente perché siamo già in troppi, che le loro donne partoriscono qui in Italia e i loro figli vanno poi a scuola con i miei figli e io pago le tasse e mi faccio il culo e sono cittadino italiano, sennò la prossima volta non vado più a votare e non pago più le tasse, che tanto non ho intestato niente a mio nome e tanto non possono portarmi via niente perché faccio tutto in nero e se mi prendono posso sempre fare come quell’imbecille campione delle moto che lo hanno pizzicato con milioni di euro non pagati e lui si è scusato e ora sta meglio di prima e poi tanto non c’è il falso in bilancio e nessuno va in galera, e se poi mi mettono in galera tanto meglio così mangio e bevo a scrocco e mi passano la televisione e mi mandano le troie e le puttane e i transessuali in cella già pagate dallo Stato per la legge sui carcerati. Le manganellate ci vogliono! Le manganellate!

Gli italiani essenzialmente sono un popolo composto di poveracci, di ignoranti, di analfabeti, di truffatori, di ritardati mentali volontari, di cattolici-fascisti, di omofobi, di razzisti, di mafiosi, oppure di tutte queste cose messe assieme. Non tutti, dirà qualche italiano orgoglioso del Made in Italy. Non così fanno gli italiani. Non tutti per fortuna. Forse qualcuno sì, ma io no, io non sono così. Loro sì sono così, ma non ci sono le prove: lo dice la legge che ci vogliono le prove. Dove sono le prove?

Ennio Montesi


Tutti i diritti riservati © 2014 Ennio Montesi – M. Cristina Di Mascio
Clicca all’interno della pagina poi sul pulsante “Mi piace” per restare aggiornati, commentare e agire concretamente:
http://www.facebook.com/pages/Il-Vaticano-ha-invaso-Litalia-Ennio-Montesi-Termidoro-Edizioni/336943103033853

Ennio Montesi - Il Vaticano ha invaso l’Italia - Termidoro Edizioni in tutte le librerie e internet: http://ilvaticanohainvasolitalia.blogspot.it/

Appropriatene subito online:
http://www.ibs.it/libri/montesi+ennio/libri+di+ennio+montesi.html